PokerStars.it homepage
Cosa conta, cosa no (pt 1)
http://www.twoplustwo.com//images/logo_twoplustwo.jpg

In questo articolo parleremo di cosa è davvero importante al fine di essere un giocatore vincente. Ho da poco superato le 100k mani di cash game, ed ho una win rate di 8ptBB/100. Mi sono sforzato molto nel farmi domande sul mio gioco, sui downswing, sul prendere pause; la mia win rate sarebbe stata molto migliore se non avessi avuto periodi di tempo in cui non sono riuscito a giocare il mio A-game. In questi periodi ho scoperto cosa significa essere un giocatore in break even, o addirittura perdente, ed ho scoperto cosa serve per tornare ad essere mentalmente stabili e ritornare ad avere una win rate decente.

La prima cosa che dobbiamo sempre tenere a mente sono i nostri obiettivi: essere giocatori vincenti, non effettuare mosse troppo strane, non pensare a ciò che avremmo dovuto fare mentre giochiamo, non giocare in maniera super-aggressiva solo perché pensiamo di essere abbastanza bravi da poterlo fare. Qualsiasi cosa serva per essere giocatori vincenti: è questo che dobbiamo fare.
Secondariamente, molte delle cose che dobbiamo fare per essere vincenti, NON riguardano la strategia. È vero, è molto importante leggere i forum, giocare molte mani per acquisire esperienza, fare pratica e lavorare sul proprio gioco. È molto importante conoscere le basi, ma con le informazioni reperibili gratuitamente in giro al giorno d'oggi, qualunque idiota può conoscere le basi abbastanza bene. Ma probabilmente, non è la strategia il più grande problema.

In questo articolo parleremo delle tre cose che contano di più e delle tre cose che molti credono contino, ma in realtà non sono così importanti. In questa prima parte dell'articolo inizieremo a parlare delle prime due cose che contano, per poi completare l'argomento nella seconda parte e dare uno sguardo alle cose che non contano.
 
 
Cosa conta
Giocare il proprio A-game. Il poker non è un gioco semplice. Una delle trappole più grandi in cui tutti cadiamo è pensare che i fish siano talmente scarsi che il nostro B-game, o addirittura il nostro C-game, sia sufficiente per batterli. Magari, contro di loro, possiamo pure permetterci il lusso di tiltare e di sconfiggerli mentre siamo in tilt. La verità è che non è così. Battere la rake non è semplice, e difficilmente possiamo riuscirci giocando il nostro C-game. Inoltre, giocare il proprio A-game è una sorta di abitudine – entriamo nel flusso e riusciamo a mantenerlo, finché qualcosa non ci "destabilizza". Lo stesso, però, vale per il C-game. Potremmo iniziare a giocare il nostro C-game, abituarci ad esso e non renderci nemmeno conto per molto tempo che stiamo giocando male. Quando stiamo giocando il nostro C-game e non riusciamo a riprenderci, la scelta migliore è quella di staccare per un po' e far passare il tempo necessario a ritrovare la giusta serenità e la giusta concentrazione.

Non speware – in questo modo buttiamo solo soldi. Non si tratta solo di bluffare. Si tratta anche di foldare mani decenti quando il nostro avversario ci dice di avere una buona mano, o anche di foldare monster quando non può avere altro che il nuts (e, soprattutto ai microlimiti, non è molto difficile capirlo). Chiunque studi ed abbia la volontà di rivedere il proprio gioco, si accorgerà sicuramente che lo speware è una parte importante delle nostre azioni. Se studiate nel post-sessione, troverete sicuramente mani in cui avete semplicemente buttato soldi. Giocare un buon poker ed eliminare questi grossi errori porterà un enorme beneficio alla nostra win rate.
Ricordate che "speware" è un concetto che va oltre il bluff inutile o i pessimi call. Anche non valuebettare una top pair al river contro una calling station è una forma di spewata; avreste potuto effettuare una bet al river e farvi chiamare da tonnellate di mani peggiori, ma non lo avete fatto: in pratica, avete perso soldi.

 
Tratto dal forum twoplustwo
 
Tradotto da Marcellus88


X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.