PokerStars.it homepage
Febbre olimpica (di Max Lykov)

Ho avuto molti cambiamenti quest'anno nella mia vita, ma il più grande è stato andare da Mosca a Sochi per le olimpiadi. Mia moglie ha avuto modo di aprire un negozio di abbigliamento al Rosa Khutor, la migliore spa nella città. Essendo nella strada principale del villaggio olimpico, in cima alla montagna, avrà sicuramente la possibilità di fare ottimi affari. Per questo, tra Febbraio e Marzo, ogni volta che non giocavo online ero a darle una mano per fare in modo che fosse tutto pronto il più presto possibile.

Non sono mai stato in clima olimpico, ma devo ammettere che è veramente difficile non esserlo quando le olimpiadi sono proprio dietro le porte, e tu sei li. Cercare i ticket non è stato molto semplice, ma sono riuscito a vedere la finale maschile di hockey e qualche altro evento. Non so dire se siano state le migliori olimpiadi di sempre, ma devo ammettere che mi sono divertito molto.

Era da un po' che mia moglie ed io volevamo spostarci da Mosca. E' una città molto affollata, l'economia non è eccellente, el'opportunità di lavoro di mia moglie è solo il primo passo di un lungo viaggio verso ovest. Dopo i giochi olimpici, ho giocato (e giocherò) qualche evento EPT, ma dopo il Grand Final ci trasferiremo a Riga, in Lettonia. Spostarsi dalla Russia non è semplice, a causa dei problemi con le carte di credito. Molti paesi non ti permettono di andarci a vivere a meno che non abbia comprato una casa o non ti sia aperto un'attività commerciale. La mia speranza è che, una volta trasferitici a Riga, mi sarà più semplice spostarmi per lavoro, visto che la Lettonia fa parte dell'Unione Europea. Il mio sogno, quello di riuscire a trasferirmi definitivamente in una delle due città – secondo me – più belle, Berlino o Amsterdam.
Per quanto riguarda il poker, prima dell'EPT avevo deciso di prendere una breve pausa, che poi si è rivelata essere una pausa abbastanza lunga (circa 50 giorni). Devo dire che ne avevo bisogno, visto che nei 3 mesi precedenti ho giocato davvero tanto, con culmine alle WSOP dove ho giocato tutti i giorni per 40 giorni di fila – ottenendo, tra l'altro, soltanto due ITM. Ciò mi ha abbassato il morale, considerando che la striscia negativa è continuata anche alle WCOOP. Fortunatamente, sono riuscito a vincere un torneo delle mini-FTOPS su Full Tilt, un evento da 200$ di buy in con 120k di primo posto.

Adesso sono qui a Sochi, grindando MTT online, ed aiutando mia moglie con il suo negozio. E nonostante le olimpiadi siano finite, sento di avere ancora addosso la febbre olimpica.


marcin_horecki_is_skiing.jpg
 
Nella foto, il mio compagno di Team Pro Marcin Horecki

 
Tratto da pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.