PokerStars.it homepage
Giocare AA

Si potrebbe pensare che un articolo come "Giocare AA" sia inutile. Tutti riescono a faresoldi con questa mano, quindi cosa c'è da pensare?
Beh, molto più di quello che credere. Tant'è vero che questo sarà uno degli articoli più lunghi che leggerete, e sarà diviso in molte parti.
Ecco un sommario dei paragrafi che andremo ad analizzare:

1 – Introduzione (con la quale spero di convincervi che vale la pena leggere quest'articolo)
2 – Intenzioni per quest'articolo
3 – AA potrebbe non essere così forte come pensate
4 – Slowplayare
5 – Preflop: obiettivi
6 – Preflop: avere un SPR (stack pot to ratio) favorevole
7 – Preflop: cercare di non giocare contro troppi avversari
8 – Preflop: quando rilanciati, pensiamo alla situazione
9 – Preflop: non openlimpare
10 – Preflop: non openpushare/overpushare
11 – Postflop: proteggere lo stack
12 – Postflop: pensare al range dell'avversario, cosa ci batte e cosa battiamo che sia disposto a continuare
13 – Postflop: il teorema di Baluga e la sua estensione al river
14 – Postflop: bettare, quando e quanto
15 – Deep stack
16 – Perché vinco solo piatti piccoli con AA?

 
 
1 – Introduzione
Molti giocatori pensano che giocare AA sia semplice, quando probabilmente è una delle mani più difficili da giocare veramente bene. 27off è la mano più semplice da giocare: va solo e sempre foldata. AA è quasi sicuramente la mano con la quale abbiamo più profitto, anche se molti pensano di essere sfortunati e di perdere soldi.
Quindi, se è la mano con la quale abbiamo maggior profitto, come è possibile che sia una dellemani più difficili da giocare? Per spiegarne il perché, prendiamo in "prestito" le parole di Tommy Angelo: secondo la sua teoria della reciprocità, il profitto nel poker proviene dalla differenza di come diversi giocatori giochino nella stessa situazione. Tutti ci troviamo nelle stesse situazioni, e ci battiamo per ottenere da queste situazioni in modo più profittevoledei nostri avversari, per sopraffare la rake e guadagnare. Ha senso.
AA dovrebbe essere per tutti la mano più profittevole, su un numero di mani decente. La teoria della reciprocità di Angelo ci dice che abbiamo veramente profitto con AA quando otteniamo più guadagno dei nostri avversari. Traducendo queste parole, potremmo schematizzare dicendo che se guadagnamo tanto con AA, ma i nostri avversari guadagnano di più, stiamo perdendo valore con AA.
Per capirlo, proviamo a fare quest'esperimento, che ci porterà via poco più di un minuto: aprite PokerTraker o Hold'em Manager (se non avete nessuno di questi programmi, cercate di averne uno), e filtrate tutte le hole cards tranne AA. Molti constateranno probabilmente di essere break even (essere circa alla pari tra guadagni e perdite) anche senza AA. Questo ci dice che la nostra winrate con AA ha un impatto maggiore di tutta la nostra winrate.
Consideriamo un'altra cosa: statisticamente abbiamo AA 1 volta ogni 221 mani. Supponiamo di non star andando molto bene con AA, e perdiamo il 15% delle volteche lo riceviamo. Quindi ci scoppiano AA circa 1 volta ogni 1473 mani. Queste perdite sono formate quasi sicuramente da piatti grandi, mettiamo la media di 60BB. Ciò che dobbiamo fare, è provare a "tagliare" queste perdite, fino a circa 15BB/1473 mani: vorrebbe dire che perdiamo praticamente un intero BB/100 in meno se riusciamo afoldare o a tenere il piatto piccolo quando siamo battuti con AA. Pensiamo adesso alle volte con le quali non otteniamo il massimo valore con AA. Se riuscissimo a guadagnare altri 15BB una sola volta sulle 1473 vincendo con AA, ciò aggiungerebbe un altro BB/100 alla nostra winrate.

Dopo tutte queste considerazioni, spero che sia chiaro come AA non sia così facile da giocare come si pensa. Infatti, potrebbe essere una delle mani più importanti per fare un salto di qualità in termini di winrate, e una delle più difficili da giocare.

 
 
Tratto dal forum twoplustwo
Tradotto da Marcellus88
 

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.