PokerStars.it homepage
Gli errori più comuni commessi da un principiante - Prima parte
"Chi ben inizia è a metà dell'opera" (proverbio irlandese).

Abbiamo tutti iniziato qualcosa come principianti nella vita, provando e commettendo errori che, alla fine, ci hanno portato a scegliere degli obiettivi. Quando parliamo di materie scolastiche, opportunità di lavoro, impegno nel business, uscire con una ragazza/un ragazzo, attraversare un duro periodo in una relazione, sposarci o accogliere la nuova vita di un bambino, ci ritroviamo esattamente in questa situazione, ma spesso abbiamo l'appoggio volontario di tante altre persone che hanno già attraversato queste esperienze, e la componente della comunicazione umana è molto più coinvolta. Per quanto riguarda il poker, invece, il discorso è differente: la mente deve rimanere concentrata soltanto sulle carte e sui nostri avversari, e nessuno è disposto ad aiutarci se non siamo noi i primi a volerci impegnare.

Oggi inizieremo a parlare di alcuni errori che commettono i principianti nel poker, e daremo qualche consiglio su come evitare che vengano commessi ripetutamente.

Non adattarsi agli avversari

Quali sono le migliori strategie di tic-tac-toe, dama e scacchi? In questi giochi, sono diverse le mosse che possono essere fatte come risposta ad un'azione avversaria per arrivare alla vittoria. Tuttavia, non è necessario - e forse è addirittura controproducente - cambiare in corsa la propria strategie, per questo ci si affida a strategie spesso predeterminate.

Nel poker, invece, ci troveremo sempre a giocare contro uno o più avversari che agiscono sempre in maniera diversa, seguendo certe dinamiche date dalle loro tendenze ed un'altra infinità di variabili. Nel poker, che sia live o online, la strategia che funziona contro Jimmy potrebbe non funzionare contro Bill, e potrebbe addirittura portarci a perdere. Il poker è un continuo mutamento di dinamiche che variano ad ogni tavolo, o addirittura ad ogni mano.

La mano che abbiamo è inizialmente l'unico pezzo del puzzle che abbiamo a disposizione per vincere uno showdown contro un avversario o portarlo a foldare. La chiave di volta è quella di adattarsi costantemente ai diversi tipi di avversario, non quella di avere una strategia ed una soltanto - che, in qualche caso, potrebbe tuttavia anche risultare vincente.

Auto-sabotaggio (ovvero: Tilt)

Come gestite gli alti e bassi della vostra vita per uscirne al meglio? Una delle migliori strategie è quello di essere assertivi per evitare che ci siano troppi danni collaterali, e continuare consapevoli che nessun problema rimarrà tale se si fa qualcosa per risolverli. Il poker è un gioco di ingegno, percentuali, range di mani, dinamiche contro determinati avversari. Tutti questi elementi lo rendono un gioco molto competitivo, dove non abbiamo il pieno controllo sulla vittoria: questo, inevitabilmente, farà in modo che perderemo.

Il tilt è quella cosa che, quando stiamo attraversando una sessione perdente, ci farà perdere ancora più soldi. Così, se non siamo tranquilli, è meglio smettere di giocare e fermare le nostre perdite. Non giocate oltre le vostre possibilità finanziarie, e non diventate impazienti di recuperare quando state perdendo. Il poker è un gioco di competizione, ma al contrario di altri, stiamo giocando con i nostri soldi in prima linea. L'unico modo che abbiamo per evitare di perdere più di quanto dovremmo è quello di lavorare e fortificare il nostro mental game.

Vai alla seconda parte
Quali sono gli errori più importanti che credi di aver commesso quando hai iniziato a giocare a Poker? Scrivili nei commenti qui sotto.

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.