PokerStars.it homepage
I 10 errori più comuni dei giocatori di MTT
Come giocatori di tornei di poker MTT, possiamo aumentare significativamente le nostre probabilità di vincere evitando questi dieci errori comuni.

⦁ Impazienza
Questo è di gran lunga il fattore principale per cui certi giocatori MTT con buone potenzialità finiscono per non andare da nessuna parte. Per essere un giocatore MTT di successo bisogna avere la resistenza di uno scarafaggio e la pazienza di un monaco. È come bussare a un centinaio di porte aspettando che qualcuno alla fine apra. Dato che le somme veramente importanti si vedono raramente, specie in eventi con grandi field, a volte può sembrare quasi di giocare alla lotteria per ore e ore. La reazione naturale a questa situazione è uno stato di irrequieto disagio che induce il giocatore a farsi spazio per mettere le mani su un enorme stack. Di solito ciò porta a farsi eliminare. La maggior parte delle volte, perdere così non è un problema, perché non avremmo vinto comunque, ma ci saranno volte in cui ci costerà migliaia di buy-in! La prossima volta che vi sentirete impazienti, ricordate: potrebbe essere una di quelle volte in cui le stelle si sono allineate a vostro favore.



⦁ Burn out
I tornei multitavolo possono essere lunghi ed estenuanti. Cercate di ricaricare le energie con frequenti e salutari spuntini, bevendo acqua in abbondanza e, soprattutto, mantenendo l'ispirazione! I giocatori ispirati sono quelli che tengono viva la magica speranza di conquistare quel ricco ma sfuggente premio. I giocatori ispirati rimangono carichi perché non si sono mai disamorati del gioco e restano connessi ai benefici reali che la vittoria nel poker comporta per loro. Che sia la libertà, uno stile di vita lussuoso, guadagnare la pagnotta o qualsiasi altra cosa, i giocatori ispirati hanno uno scopo ed è molto più probabile che evitino i burn out durante gli eventi più lunghi.

⦁ Rigetto del gioco iniziale
Il gioco iniziale sembra molte volte vuoto e inutile, perché l'azione non è ancora realmente iniziata. Questa sensazione può portare a disattenzione ed eccessiva esuberanza. L'approccio tight al gioco iniziale viene universalmente riconosciuto come corretto perché sul tavolo sono presenti poche chips, ma sopravvivere è di estrema importanza. Man mano che il torneo va avanti, il valore del grande buio comincia a crescere rapidamente. Avere 40 GB quando il grande buio è a 10 volte il suo valore monetario, è molto più importante che cercare di prendere 200 GB all'inizio dei giochi a scapito della nostra sopravvivenza nel torneo.

⦁ Paura di non incassare
Questa paura irrazionale ha a che fare con la scarsa comprensione del valore atteso da parte del subconscio. Il cervello rimane legato al buy-in investito, perché quello attuale è il torneo che state giocando. Il quadro generale è ovviamente quello che vede i giocatori di successo conquistare premi più ricchi e non raggiungere la zona premi più spesso. Dato che gli uomini soffrono di questo difetto di "cablaggio", gli avversari, di norma, giocheranno più tight di quanto dovrebbero attorno alla zona premi. Approfittatene senza pietà.

⦁ Scarsa selezione del rischio
Ci sono molti casi nei tornei multitavolo in cui un rischio redditizio in termini assoluti è in realtà un errore in termini relativi perché è probabile che emerga una situazione migliore. Questo concetto non si presenta affatto nei giochi come i cash game ZOOM, ma è rilevante nei tornei MTT. Prendi grossi rischi solo se sono redditizi rispetto alle probabili situazioni dell'immediato futuro, non se servono solo ad andare in pari o poco più.

⦁ Non effettuare abbastanza steal nelle fasi avanzate
Dopo aver raggiunto le fasi avanzate di un MTT vincendo la necessaria successione di piatti ricchi, quelli piccoli possono sembrare alquanto insignificanti. Con l'aumentare dei bui, però, vi troverete ben presto ancora sotto pressione e sarete costretti ad assumervi rischi indesiderati per restare in gioco. Il metodo per ridurre il rischio di finire in una simile posizione è alimentare con frequenza lo stack con piccoli piatti. Effettuare steal dalla posizione finale è un ottimo modo per farlo, soprattutto quando ci sono alcuni stack intermedi nei bui, con ancora abbastanza chips da poter rispondere con un all-in, ma con chips insufficienti per andare a vedere e giocare liberamente il post-flop.



⦁ Non effettuare abbastanza 3-bet nelle fasi finali
Come notato prima, gli avversari sono incentivati a effettuare parecchi steal con il crescere dei bui. Come risultato, i loro range di apertura diventeranno generalmente molto più ampi di quanto non fossero nelle prime fasi del torneo. Di conseguenza, i nostri range 3-bet devono espandersi, soprattutto quando siamo in posizione. Cercate posizioni in cui la dimensione efficace dello stack vi garantisce maggiore forza. Per esempio, se il nemico apre con 2,5 GB in posizione di cut-off e ci troviamo al bottone con una mano semi rispettabile come K5 dello stesso seme, potremmo voler effettuare un re-steal in base alla dimensione efficace dello stack e al tipo di giocatore. Se la prima è 35 GB e il secondo non è del genere avventato, allora è possibile procedere con la 3-bet. Se il suo ammontare sarà di 6 GB, costringeremo il nemico a perdere la posizione; passare, o effettuare un all-in molto alto e ben poco attraente dal suo punto di vista.

⦁ Cattiva gestione del bankroll
A volte, vincere un ricco premio può dare alla testa del giocatore, ma è importantissimo non attribuire la vittoria esclusivamente al nostro genio! La varianza del poker è un elemento fondamentale. Si tratta di un gioco che richiede sia abilità che fortuna. A lungo termine, attraverserete fasi della vostra carriera MTT in cui andrete a centinaia di tornei senza ricchi premi. Il vostro bankroll deve poterlo sostenere. Provate ad avere come minimo più di 200 buy-in per gli stake che state giocando a meno che non vogliate far terminare presto la vostra carriera.

⦁ Carenza di osservazione
Solitamente, il tavolo iniziale sarà quello con cui lotterete per il futuro più prossimo. È fondamentale comprendere chi è chi il più rapidamente possibile. Nonostante tutto, molti giocatori si trovano tre ore dopo l'inizio del torneo con le idee chiare su uno o due avversari e nulla più. Per un giocatore serio di MTT, questo è inaccettabile. Provate a prendere appunti sulle mani in cui siete spettatori e non lasciate che le giocate insolite passino inosservate. La scheda delle note e i codici a colori sono perfetti a questo scopo.

⦁ Scarsa gestione dei tempi
Un errore comune a tutti i giocatori di MTT meno esperti è iniziare i tornei nel momento sbagliato. Se giocate a poker la sera e lavorate di giorno, non ha molto senso giocare fino alle 4 di mattina. Vi esaurirete presto e non potrete affrontare al meglio la giornata successiva. In sostanza, state barattando il gioco di alta qualità che potreste fare domani con quello stanco e di scarsa qualità che intendete fare stanotte. Fate ricerche sulle probabili durate dei tornei prima di iscrivervi e cercate di coordinare i tornei multitavolo in modo che non entrino mai in collisione con i problemi inevitabili che non sono relativi al poker.
Scopri di più sui tornei di poker.
 
Avete in mente altri errori che i giocatori fanno nei tornei?
Scriveteli nei commenti.

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.