PokerStars.it homepage
Le ore invernali di poker (di Christophe de Meulder)

La maggior parte dei giocatori professionisti giocano sia live che online, e passare dal reale al virtuale è una sfida, ma ha anche dei benefici. Una delle cose che ho notato appena è finita l'estate ed è arrivato il freddo è che molti giocatori preferiscono "rinchiudersi" in casa e giocare al pc.
Per quelli di noi che viaggiano – per giocare gli EPT o gli altri tour – è importante il luogo dove si gioca. Ma, come regola generale, con il freddo si preferisce stare a casa. In Belgio il cielo è spesso grigio e la pioggia è fredda (non c'è molta neve), e questo ci da' ancor più la voglia di non uscire, di stare al caldo. Anche per questo, quindi, il focus si sposta maggiormente sul cash game e sui tornei online.
Se guardate il mio grafico su PokerStars, capirete di cosa parlo: gioco molto di più online in inverno, perché d'estate c'è molta più azione live. Non sono il solo: sono molti i giocatori che seguono questo stesso mio ragionamento, anche i casual players.

christophe_de_meulder_barca_2013.jpg

Non solo gioco di più durante l'inverno, ma è anche il periodo in cui riesco a fare più profitto, e ciò probabilmente non è casuale. Ho più tempo per giocare, ma ho anche più tempo per studiare, guardare video e concentrarmi sul miglioramento del mio gioco. Una cosa che aiuta molto è avere un hobby che sia anche una professione, come nel mio caso. Cerco sempre di riempire le mie ore libere migliorando il mio gioco, e durante l'inverno c'è molto più tempo per farlo.
E' strano e divertente, ogni volta che gioco live per molto tempo penso a quanto vorrei giocare un po' online, e la stessa cosa mi succede quando gioco online, quando vorrei un po' più di contatto sociale. Lo so, sembra che "l'erba del vicino sia sempre più verde" in casi del genere.
Con l'avvicinarsi dell'inverno divento sempre più motivato ad aumentare le ore di grinding online. Le WCOOP sono finite da poco, e mi hanno aiutato a tornare all'"online mode". Infatti, adesso sto giocando parecchio cash game 6-max, che è il mio A-game.
Penso che, tutto sommato, sia bello fare avanti e indietro tra live ed online. E' di grande aiuto variare, ma non è solo questo: in un gioco impari cose che ti tornano utili nell'altro.
E' anche buono, per un giocatore di poker, organizzare il suo lavoro per stagioni: si gioca di più durante l'inverno (sopratutto online), si trova il tempo per rilassarsi un po' durante l'estate. In questo modo, è difficile che un giocatore di poker riesca ad annoiarsi.

 
Tratto da pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88

 
 

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.