PokerStars.it homepage
Leggere l'avversario - Parte 4
An Unbelievably Long Guide to Hand-Reading. Part 4
By Pokey
      #8629256 - 01/02/07 12 PM
 
http://archives1.twoplustwo.com/showflat.php?Number=8629256
 
4. Conoscere l'hand history
Di seguito parleremo di come vengono giocate alcune mani, chi betta, quanto e in che circostanza. Cominciamo col prestare attenzione ai betting pattern e di come i diversi tipi di giocatori li usano.
Per inziare, alcune regolette generali.
 
Check raises: quando un avversario check raisa ci sta mandando un messaggio piuttosto chiaro, ha una mano forte. Sa che tu stai bettando ma non se ne cura, inoltre è così sicuro della forza della sua mano che è disposto a rischiare che tu possa checkare dietro il suo check pur di farti mettere più denaro (o chips) nel pot. Questo tipo di puntata normalmente può significare tre cose: o la mano del tuo avversario è mostruosamente forte ed è stata slowplayata nella prima street, o l'ultima carta del board ha in qualche modo aiutato il tuo avversario, o lui sta bluffando in una situazione nella quale può spaventarti e cacciarti dalla mano; in generale credi ad un c/raise fatto da un giocatore passivo, se non hai un mostro in mano devi foldare a questa move, spesso mi chiedono: come posso evitare di scontrarmi contro due assi pocket? ecco, questa è una situazione in cui evitare di andare broke è molto semplice; un'altra regola generale è che più aggressivo è il vostro avversario, più è possibile che usi il check raise come bluff.
Io direi che se un avversario non ha un FA di almeno 2, è molto difficile che usi un check raise come semibluff, e se il suo FA non è di almeno 4 è difficilissimo che lo usi per un bluff completo; molti fanno molto in fretta a ipotizzare un giocatore in bluff, in realtà succede meno spesso di quanto si pensi.
Un altro consiglio, il check raise al flop ha molte più possibilità di nascondere un bluff o una mano debole di quello fatto su qualsiasi altra strada, al flop molti giocatori usano il check raise come arma contro la cbet standard, anche con mani quali bottom pair no kiker, perchè sanno cheil loro avversario cbetterà spesso anyflop, quindi un c/raise sul flop significa spesso" posso batere la tua mano A carta alta", ma un c/raise sulle altre street significa " io posso battere TE".
 
Check call: questo tipo di giocata ha significati diversi a seconda del tipo di giocatore che la effettua; se è una calling station spesso significa" guarda, ho due carte e le picche mi piacciono!", se invece il player è tight e moderatamente aggressivo la puoi leggere come indizio che lui sia in draw, se invece l'avversario è molto aggressivo, spesso il check call significa " ho una monster, ti lascio scavare la fossa da solo"; il check call spesso precede il check raise su altre street da parte di giocatori aggressivi, mentre se viene da giocatori passivi precede semplicemente altri check call.
 
Donkbet : letteralmente una donkbet si ha quando un giocatore che non sta conducendo il gioco esce inaspettatamente con una bet, ad esempio se un giocatore chiama il tuo raise preflop e poi esce bettando sul flop, questa è una donkbet, allo steso modo se un giocatore chiama il tuo raise sul flop poi esce bettando al turn sta facendo una donkbet. A questo livello la donkbet potrebbe essere interpretata come:"questa carta mi ha aiutato", più passivo è il tuo avversario, più questa interpretazione sarà corretta. Quando un avversario passivo esce dalla sua passività e sul board vi sono tre carte a scala, o scende una quarta carta a colore, o appaia il board, o vi sia una qualsiasi altra possibilità con una carta random, allora c'è da aspettarsi che questa carta abbia chiuso il suo punto e lui stia bettando per valore. Naturalmente quanto forte sia la sua mano è tutto da verificare, ma sicuramente il board ha migliorato la sua mano. Non è affatto detto che in queste condizioni il vostro avversario sia nut: ho visto molti giocatori passivi bettare sulla quarta carta a cuori…..perchè questa aveva dato loro la doppia coppia!! D'altra parte un giocatore molto aggressivo tenderbbe spesso a donkbettare una scary card. Questo tipo di bluff è molto più economico di un check raise, ma ai limiti bassi funziona allo stesso modo e molti di questi giocatori aggressivi possono trarre vantaggio da un asso che scende al turn, o da una terza o quarta carta che scende connessa a scala o colore, o da una carta che appaia il board per tentare un furto, state attenti.
 
Checks inaspettati: un avversario che ha costantemente bettato, improvvisamente comincia a checkare. Che significa? Bene, l'interpretazione più ovvia è che abbia tentato un bluff e ora stia rallentando pronto a mollare se l'azione si riscaldasse troppo; la maggior parte dei giocatori sono sufficientemente leggibili da poterli mettere in questa situazione. Contro avversari mediamente aggressivi, questa potrebbe essere una buona occasione di bettare atc, sempre che il vostro stack vi consenta di avere sufficiente fold equity. Un'altra situazione piuttosto comune è quella che si ha quando il vostro avversario ha floppato una mano poco più che decente, una top pair con T carta alta sul board che tende a mollare se il turn portasse un K. Sono preocccupati dell'overpair e dunque smettono di bettare e passano in modalità check call o check fold.
Ad ogni modo, quando un giocatore aggressivo smette di esserlo, questo è normalmente il segnale che la tua situazione non è così disprata come tu immaginavi che fosse. Attenzione comunque ad un avversario iperaggressivo che inaspettatamente fa check, soprattutto se check calla una scary card. Per qualche ragione loro hanno fatto propria la filosofia del forte=debole debole=forte e betteranno con air mentre slowplayeranno le loro mani forti. Osserva con attenzione i toui avversari per vedere se il loro check al turn normalmente precede un fold o una trappola.
 
Bet check bet: una condotta più comune di quello che non si creda è questa linea, bet al flop, check behind sul turn e raise al river, nella quale l'avversario abbia check callato per tutte le street. Contro un giocatore aggressivo, questa bet al river spesso è un tentativo disperato di bluff. La mano non ha valore di SD e la bet rappresenta l'ultima speranza per farvi foldare la mano migliore. Dal momento che avete dimostrato poca forza su tutte le streeet precedenti, il vostro avversario pensa di avere sufficiente fold equity ( e questo è vero) per attaccarvi e farvi abbandonare il pot. Ciononostante, voi dovete far molta attenzione a come si compone il board. Un altro motivo che sta dietro questa linea è che la bet al flop sia stata fatta senza nulla in mano, il turn abbia aperto un draw al vostro avversario ed il river chiuda o manchi il draw. Se il draw venisse chiuso al river, allora dovreste avere più informazioni sul vostro avversario prima di decidere se lui stia bluffando oppure no. Il call contro alcubi giocatori potrebbe essere enormemente positivo anche con bottom pair, contro altri estremamente negativo con qualsiasi cosa che non sia un punto più che solido. Di nuovo, osservate i vostri avversari e prendete nota di cosa significhino i loro betting pattern.
Il nostro quinto e ultimo comandamento lega tutto ciò di cui abbiamo discusso sin'ora

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.