PokerStars.it homepage
Miglioriamo la nostra winrate (pt 2)
http://www.twoplustwo.com//images/logo_twoplustwo.jpg

La scorsa settimana vi abbiamo lasciato con una domanda riguardante una mano, che riportiamo all'inizio di questa seconda parte:

6 max
Hero è CO
BTN: reg, full stack, 25/20, chiama i raise dal BTN il 9% delle volte, 3betta il 6%.
SB: fish, 78bb, 49/8, 3bet 0% su 98 mani, fold to cbet 85%
BB: TAG, full stack, 17/15, 3bet da BB 5%
Hero ha XX.
Qual è la miglior giocata in questo spot?

Molte persone risponderebbero così: "Hero è sul CO, quindi la matematica dice che si dovrebbe aprire con il 28% delle mani; aprirei il gioco con questo range standard."
Si tratta senza dubbio di un buon consiglio, ma probabilmente non è in questo modo che guadagnerete il maggior profitto. Penso che, in questo caso, sia meglio aprire con qualcosa di più vicino al 100% delle mani. Inoltre, utilizzerei come size un non-standard 5x. Inoltre, utilizzerei una size di c-bet di circa mezzo piatto. Ma perché tutto ciò è profittevole nel lungo periodo?
Cosa dobbiamo domandarci quando è il nostro turno di agire preflop?
Il BTN è abbastanza solido, e probabilmente folderà di fronte ad un raise. Se apro con una size più grande del normale, è ancor meno probabile che decida di chiamare/3bettare. Viste le informazioni che abbiamo sui blind, SB è probabile che chiami, e BB che foldi. L'intenzione è quindi quella di fare un raise che possa essere chiamato da SB, quindi c-bettare mezzo piatto, in modo da aver bisogno di vincere solo 1 volta su 3 per fare profitto.
Non si tratta di nulla di particolare, ma quante volte, realmente, ragionate così quando è il vostro turno di agire? Penso che, tra i giocatori dei microlimiti, le volte che questo ragionamento prenda piede nella vostra mente sia vicino allo 0%, e poco più ai livelli immediatamente superiori.
Ah, e siamo solo al preflop. La stessa, identica linea di pensiero andrebbe applicata su ogni street. Inoltre, dovreste pure avere in mente un piano per le street future, ed attenervi a questo piano!

Ammettiamo di aver seguito questo piano, ma che SB abbia foldato e BB chiamato. A questo punto, dovreste porvi una semplice domanda: qual è il range di call del BB in questa situazione? Se non avete mai usato il software pokerstove, questo è il momento migliore per farlo. Aprite il software, e scoprire qual è un range ragionevole di mani per un giocatore che chiama con l'X% delle mani. Fatto ciò, osservate il board e chiedetevi: "Questo board hitta il suo range? Se sì, in che modo?" Ad esempio, il board è 57T con due carte dello stesso seme. Si tratta di un buon board da c-bettare, considerando il range di call dell'avversario? K85 con due carte dello stesso seme sarebbe stato meglio? E A93r? In base ai diversi flop, quanto dovrei c-bettare? Mezzo piatto? Tre quarti di piatto? Il piatto? Un quindo di piatto?

Se la c-bet viene chiamata, su quali turn bisogna arrendersi, e su quali è bene continuare l'aggressione? State tenendo in considerazione una 3rd barrel, qualora veniste chiamati ed il river fosse una buona carta? Quale sarebbe un buon river sul quale puntare nuovamente contro questo specifico avversario? Quest'ultimo punto è particolarmente importante, perché mentre un giocatore sensato potrebbe foldare la sua coppia di 4 su board T23KA, un fish potrebbe decidere di chiamare fino alla fine, anche solamente per vedere lo showdown.

Molti di voi sanno che tutto ciò è la cosa giusta da fare, ma quanti di voi, realmente, lo fanno? La maggior parte di voi si limiterà a puntare ¾ di piatto, sperando di portarselo subito a casa, per poi arrendersi qualora venisse chiamato, o continuando a puntare su qualsiasi overcard random. Ma questa è solo pigrizia, e non servirà a farvi estrarre il massimo valore – anzi, presumibilmente vi porterà a perdere soldi.

 
Tratto dal forum twoplustwo
 
Tradotto da Marcellus88



X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.