PokerStars.it homepage
Poker Player’s Championship: La speranza azzurra è svanita, Alioto e Minieri out
LAS VEGAS (Agicops) – Venerdì sera è iniziato il più atteso e proibitivo evento delle WSOP, il Poker Player's Championship, il torneo dedicato a Chip Reese.

 


Otto game da 50.000 dollari di buy-in e 116 giocatori. La struttura della mastodontica impresa è di 150.000 chips dello stack iniziale per 90 minuti di livelli, ogni otto mani Limit Hold'em, PLO8, Razz, Stud, Stud hi/low, No Limit Hold'em, PLO e 2-7 Triple Draw Lowball. Solo sedici i fortunati che andranno a premio. I player, dovranno agire con molta prudenza, evitando ostacoli di ogni tipo, fino al tavolo finale che sarà dedicato solamente al No Limit Hold'em, anche per ragioni televisive.

Purtroppo tra questi ipotetici vincitori, non ci saranno volti italiani. Dopo un buon Day uno,Alioto e Minieri, non ce l'hanno fatta.

Al Day 1 concludevano la faticosa arrampicata con un buono stack a discapito di nomi importanti come Tom "durrrr" Dwan e Brian Townsend, poi al Day 2 la ritirata.

Resta la magra consolazione per i nostri ragazzi, che insieme a loro non ce l'hanno fatta neanche player di prestigio come: Daniel Negreanu, Phil Hellmuth, Tony G, Patrick Antonius, Ashton "the ASHMAN103″ Griffin, Erick Lindgren e Gus Hansen.

Ancora attivi 21 giocatori in gara al termine del day 3: al comando Michael "The Grinder" Mizrachi con 1.483.000 in chips.  Al secondo posto segue un altro grande giocatore: Vladmir Schmelev di San Pietroburgo, con 1.432.000 chips,  poco lontano anche il fratello di Michael, Robert poco sopra il milione di chips.




Fonte: www.agicops.com/poker-player%E2%80%99s-championship-la-speranza-azzurra-e-svanita-alioto-e-minieri-out/

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.