PokerStars.it homepage
Qual è la skill più importante nel Poker? mindmsteir risponde
Se parliamo della skill più importante, parliamo di qualcosa che dovrebbe essere in grado di darci un vantaggio competitivo rispetto ai nostri avversari, qualcosa che solo noi possiamo avere rispetto a loro. Se abbiamo chiaro questo punto, la risposta alla domanda è abbastanza semplice.

In effetti, premesso che saper calcolare le odds è molto importante, in quanto ci permette di capire se le nostre giocate sono corrette, la capacità di leggere i nostri avversari è molto più importante, per tutta una serie di motivi. In primo luogo, il calcolo delle odds è qualcosa che si basa su degli elementi certi: abbiamo una certa starting hand, vediamo il flop, calcoliamo quali siano le probabilità che la nostra mano possa migliorare. In questo calcolo non ci sono elementi di incertezza. L'incertezza riguarda la mano del nostro avversario.

Per gestire questa incertezza, noi normalmente ragioniamo attribuendo un range di mani al nostro oppo, non potendo sapere con esattezza quale sia la sua mano di partenza. Nello stabilire tale range noi possiamo essere più o meno bravi. Se però sapessimo in partenza, con esattezza assoluta, la mano del nostro avversario, saremmo sempre in grado di prendere la decisione migliore. In pratica: più la nostra attribuzione di un range (e quindi la nostra capacità di lettura) è corretta, migliori saranno le nostre decisioni.

La capacità di lettura si dimostra quindi un elemento essenziale per poter prendere decisioni giuste. Una controprova è il fatto che nella maggior parte delle hand review che facciamo, o che ci capita anche di vedere e leggere anche on line, il problema non è dato dal calcolo delle odds (che, come detto, è matematica applicata, un aspetto oggettivo su cui non si può sbagliare), ma dal tipo di mano che attribuiamo al nostro avversario. Quante volte abbiamo pensato "ma farebbe una action del genere con una mano come XY?". L'aspetto centrale è quindi la lettura di oppo, non il calcolo delle odds.

In altri termini, possiamo dire che saper giocare a poker è in parte arte, in parte scienza. La scienza è data dal saper calcolare le odds. Con un poco di esercizio, è qualcosa a cui tutti possono arrivare, e già di per sé potrebbe fare di noi dei buoni giocatori. Ma per poter diventare davvero bravi, dobbiamo elevarci al livello dell'arte. L'arte di saper leggere i nostri avversari, un'arte sempre diversa e su cui non possiamo mai dire di aver raggiunto la perfezione, visto che le variabili da tenere potenzialmente in conto sono infinite. Infinite come le possibili mani di poker in cui potremmo essere coinvolti, dal momento che ogni mano è, per forza di cose, unica e irripetibile.

Grazie a questo post l'utente mindmsteir si è aggiudicato i T€25 del domandone della settimana #1. Prova a rispondere anche tu cliccando qui sotto.
Vai al domandone della settimana
 

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.