PokerStars.it homepage
Ricordi estivi in autunno (di Jonathan Duhamel)

Siamo già in autunno, ma non riesco a non pensare alla grandiosa estate che ho passato. Non ho vinto un braccialetto alle WSOP, ma sono arrivato ITM a molti eventi ed ho fatto un tavolo finale al 50k$ Poker Player Championship.
Come ho scritto qualche tempo fa, ho lavorato tantissimo sui mixed games, in modo da poterne giocare molti durante la mia permanenza a Las Vegas. Ho giocato molti eventi non-hold'em, ma la soddisfazione più grande è arrivata ovviamente da questo tavolo finale dove, tra l'altro, mi sono scontrato con un field durissimo.
Tant'è che, al day1, eravamo ben 5 team pro di PokerStars al mio tavolo – Nacho Barbero, Daniel Negreanu, Vanessa Selbst, Eugene Katchalov ed io. Ovviamente anche gli altri posti erano occupati da ottimi giocatori.
Prima di quest'estate avevo giocato questo evento una volta, e poche volte altri eventi non-hold'em e, nonostante sapessi le regole, non sapevo molto in termini di strategia. Non vevo fatto malissimo negli eventi a basso buy in, ma nel 50k mi avevano letteralmente preso a calci. E lo meritavo, in quanto avevo giocato davvero male.
Ciò mi ha fatto capire che avrei dovuto lavorare sui mixed games prima di partire per Vegas, e quindi ho giocato molto su Stars durante la prima parte dell'anno. Non ho giocato un livello altissimo, ma quello che ni interessava era fare pratica, imparare a giocare certe mani e capire cme dovevo reagire in determinate situazioni.
Ho anche studiato strategie che riguardano l'essere shortstack nei limit games, che sono totalmente differenti dai no limit. Questo impegno, alla fine, ha pagato. Ho terminato al 10° posto al 5k$ Omaha Hi/lo, altri 8 piazzamenti ed il final table al 50k$.

jonathan_duhamel_2013wsop_50k.jpg

Sono partito molto bene al 50k$, chiudendo il day1 da chip leader ed il day 2 da secondo in chips, con 78 giocatori rimasti dei 132 che erano partiti.
Il 50k$ è un 8-game, che mixa NL Hold'em a Pot Limit Omaha, i giochi dell'HORSE ed il 2-7 triple draw. Ero decisamente più aggressivo durante l'Hold'Em e l'Omaha, e non credo sia strano visto che sono un giocatore di Hold'Em.
Ho anche fatto alcune pazzie, perché alcuni giocatori erano restii a giocarsi piatti molto grossi per preservare lo stack, mentre io non avevo paura. I pro dei mixed games avevano molta edge nei giochi limit, quindi preferivano accumulare chips in questi round e rimanere un po' in disparte durante NLHE ed PLO. Non volevano rischiare situazioni come flip o 55-45 per loro, perché avevano parecchia edge negli altri giochi.
Per questo, contro questi giocatori diventavo quasi maniac, in quanto sapevo che avrebbero foldato molto spesso le loro mani. Penso di aver giocato molto bene anche i limit games, che mi hanno aiutato a mantenere il mio grosso stack nelle fasi iniziali.
Il 50k$ è un torneo speciale. Infatti, tutti gli eventi high roller delle WSOP sono NLHE, per questo il Poker Player Championship rimane il momento saliente per tutti i giocatori di varianti, e per loro è il più grosso evento dell'anno. Sicuramente, è stato il momento migliore della mia estate: arrivare al day5 di questo evento, ed arrivare a giocare il tavolo finale è un'impresa davvero prestigiosa.

 
Tratto da pokerstarsblog.com
 
Tradotto da Marcellus88

 
 

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.