PokerStars.it homepage
Seven Card Stud: la gestione del bankroll

Anche per il Seven Card Stud una gestione previdente del proprio bankroll è uno strumento indispensabile per essere e restare vincenti a lungo termine.

Non di rado si incontrano buoni e perfino ottimi giocatori di Poker che sono andati in bancarotta perché hanno giocato al limite sbagliato con un bankroll insufficiente. Questo è un errore che dovrebbe essere assolutamente evitato.

martenJ ha già sintetizzato tutte le considerazioni fondamentali su questa tematica in un eccellente articolo:

Tutte le indicazioni e istruzioni sono assolutamente valide anche per il Seven Card Stud, tuttavia c'è bisogno di un adattamento riguardo la varianza ed un completamento del profilo dell'avversario relativamente al suo bankroll.

Particolarità della varianza del Seven Card Stud

La regola dei 300 BB è generalmente approvata e questo si è affermato come valore indicativo per una gestione inteligente del bankroll. La regola dice che dovremmo avere a disposizione un importo pari ad almeno 300 volte il limite più alto per poter intercettare e respingere gli attesi down swings. Se si volesse giocare regolarmente ad una partita limit Hold'em €1/€2, dovremmo avere a disposizione un bankroll di almeno €600.

Al Seven Card Stud questo importo è sicuramente troppo basso per due motivi.

  • Innanzitutto il Seven Card Stud è un gioco che necessità di maggior capitale, perché in base alle regole esiste un giro in più di puntate rispetto al Texas Hold'em. All'Hold'em ci sono quattro giri di puntate (preflop, flop, turn, river), mentre al Seven Card Stud abbiamo a che fare con cinque giri di puntate (3a, 4a, 5a, 6a e 7a street). Il giro di puntate supplementare avviene con limite superiore, così necessitiamo mediamente il 25% in più di capitale per ogni mano.
  • In secondo luogo, dato il fatto che al Seven Card Stud vengono già distribuite tre carte prima del giro di puntate, si può contare su una partecipazione al gioco molto più elevata ed una maggiore multiway-action, perlomeno sulla 3a e 4a street. Anche questo fattore contribuisce ad aumentare la varianza, cosicchè in generale al Seven Card Stud occorre circa il 40% di bankroll in più per lo stesso limite rispetto al Texas Hold'em.

Ne deriva la regola dei 420-BB. Per poter giocare regolarmente ad una partita di Seven Card Stud con un limite di €1/€2 si consiglia quindi un bankroll di almeno €840. Sotto questi presupposti si dovrebbe calcolare anche l'ascesa al prossimo limite superiore.

Adeguamento del limite considerando l'avversario individuale

Nel poker non c'è nulla che contribuisce alla vittoria a lungo termine, quanto l'avere un vantaggio sulla tecnica di gioco rispetto alle capacità individuali dell'avversario. Il vantaggio nella tecnica di gioco si guadagna grazie allo studio dei principi strategici, all'esercizio e all'esperienza, nonché da un'attenta osservazione e dal profilo degli avversari.

A seconda del tipo di avversario è quindi necessario anche un adeguamento della gestione del bankroll.

Per questo motivo per prima cosa è consigliabile prendere appunti sul proprio avversario nel "player notes", oppure comprenderne il livello di gioco in base ai programmi legali di aiuto tecnico. Se i dati, in base al controllo a campione, sono statisticamente analizzabili e rivelatori, si consiglia di cercare i giocatori presumibilmente deboli. I giocatori scarsi dal punto di vista tecnico, non pensano troppo alla corretta gestione del bankroll e scelgono di giocare un limite ad intuito, cioè in modo "irrazionale". Quando si trova un simile avversario ad un tavolo con un limite immediatamente inferiore o superiore, è consigliabile prendere in considerazione anche questo punto per la scelta del limite in cui giocare.  

Ma anche in questo caso vale la regola empirica: cambiare sempre limite scegliendo solo quello immediatamente superiore e non saltare mai un livello! Ai limiti superiori non aumenta solo la qualità media degli avversari, bensì anche le considerazioni strategiche basilari richiedono un'altro approccio, a cui bisogna avvicinarsi a poco a poco.

Bisogna prendere sul serio la gestione del bankroll. Senza una solida gestione del bankroll, gli inevitabili swing a poker si possono superare solo affidandoci alla sorte. E al poker, per quanto possibile, quello che vogliamo eliminare è la fortuna.

[navi]

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.