PokerStars.it homepage
Torniamo a parlare di c-bet (parte 3)

 Torniamo a parlare di c-bet (pt 3)

 

Sembra che le mie c-bet vengano sempre chiamate, e non riesco ad effettuare miglioramenti. Dovrei smettere di c-bettare per un po'?

La risposta a questa domanda potrebbe essere "sì" per una serie di motivi, come ad esempio una errata percezione del gioco degli avversari. Quando giochiamo contro una calling station, non è necessario c-bettarla in bluff, perché la maggior parte delle volte verremo chiamati. Contro di loro dobbiamo aspettare di avere una mano per continuare la nostra aggressione e farci pagare da mani peggiori.

 

A parte questo aspetto, il motivo principale per cui si c-betta è quello di vincere grossi piatti quando hittiamo – anche se a volte, quando si runna male, potrebbe non succedere per diverso tempo. L'avversario, per tre volte di fila, ha scoperto che c-bettiamo con AKo su Q72r, ed ha questo punto ci ha ormai etichettato come "bluffer". Così, quando apriremo il gioco con una pocket pair e legheremo il nostro set, puntiamo. È molto probabile che il nostro avversario decida di pagarci, a causa dell'immagine che ha di noi.

 

Tuttavia, dobbiamo stare attenti perché questa potrebbe essere un'arma a doppio taglio, se non stiamo attenti. Infatti, per ottenere il massimo valore dalle nostre c-bet quando hittiamo, dobbiamo continuare a c-bettare. Sia quando non leghiamo niente, sia quando chiudiamo un punto forte. Per due motivi.

 

Motivo 1: Avendo puntato con AK su flop bianco, potrebbe sembrare quantomeno sospetto, al nostro avversario, se decidessimo di checkare dietro al flop dopo aver legato la nostra monster. Dobbiamo continuare a "rispettare" l'immagine che ci siamo costruiti col tempo e puntare. In questo modo, il piatto diventa più grande, e possibilmente il nostro avversario – che ci ha catalogato come "fish dell'anno" deciderà di darci tutto il suo stack.

 

Motivo 2: Se i nostri avversari non ci conoscono, e c-bettiamo il nostro set o la nostra TPTK arrivando allo showdown, tutto il tavolo vedrà che abbiamo giocato una mano molto forte e non abbiamo slowplayato.

E QUESTA È LA PARTE MIGLIORE!

In questo modo, anche quando c-betteremo soltanto aria, le nostre c-bet avranno molto più rispetto, perché i nostri avversari hanno visto la mano con cui siamo riusciti a vincere un piatto molto importante, e ricorderanno quella.

 

Possono essere molti i motivi per c-bettare una determinata mano. Contro lo stesso avversario semi-TAG che abbiamo visto nella prima parte dell'articolo, se abbiamo AA punteremo su flop 942r per valore, perché quasi sicuramente avremo la mano migliore; sullo stesso flop, contro lo stesso avversario ma con AK in mano, punteremo invece per protezione, perché è ancora probabile che abbiamo la mano migliore, ma ci sono molte carte che potrebbero darci la sconfitta.

 

Dobbiamo tenere in considerazione lo stile di gioco del nostro avversario ed il flop, quindi decidere l'importo corretto da puntare. Quando inizierete a farlo correttamente, potrete studiare per portare la vostra c-bet ad un livello superiore.

 

Tratto dal forum twoplustwo

Tradotto da Marcellus88

X Informazioni sui cookie

Il nostro sito web utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Puoi modificare le impostazioni sui cookie in qualsiasi momento. Se continui, acconsenti al loro utilizzo.