Solo due italiani in corsa al Main Event: Dario Sammartino e Giacomo Fundarò, in cima al chipcount Dominik Nitsche e in gioco c'è anche Daniel Negreanu, non ce la fanno invece Phil Ivey e Phil Hellmuth. Scopriamo insieme il report al Day 3 e come si sono conclusi gli altri eventi delle WSOPE 2013 a Parigi.
 
Dominik-Nitsche.jpg
 Al comando del Main Event, Dominik Nitsche*

 
Avevamo lasciato Jason Mercier quarto nel chipcount provvisorio dell'evento #4 Pot Limit Omaha di queste World Series of Poker Europe 2013, e quarta è stata la posizione finale del Team PokerStars Pro che ha portato a casa €23.036, il braccialetto è andato invece a Jeremy Ausmus che conquista anche una prima moneta da €70.324. Degna di nota la dichiarazione del vincitore: "Penso che la popolarità sia fantastica, ma gioco a poker prima di tutto per mantenere la mia famiglia". Il ruolo di runner up è spettato a Juha Helppi.

A conquistare l'evento #3, il Mixed-Max No Limit Hold'em da €5.300, è stato invece Darko Stojanovic che ha battuto in heads up Dan O'Brien vincendo oltre €188.000. Si ferma al quarto posto il pluridecorato Phil Ivey, alle spalle di Jason Mann.

Il No Limit Hold'em 9-handed, evento #5 della rassegna, vede uno strepitoso back-to-back di Roger Hairabedian, che batte in heads up Matain Krakow al termine di un tavolo finale dove Erik Seidel si è fermato in settima posizione. Il campione francese, ben conosciuto nel circuito live, oltre alla prima moneta da €148.820, con questa vittoria ha bissato il successo dello scorso anno, quando alle WSOPE di Cannes aveva vinto circa la stessa cifra all'evento #3 Pot Limit Omaha.

Il Mixed-Max Pot-Limit Omaha è andato a Noah Schwartz che si è imposto nel testa a testa finale su Jyri Merivirta, sul gradino più basso del podio sale Ludovic Lacay e dietro di lui si ferma il campione del Super High Roller EPT10 Barcellona Vitaly Lunkin.
 
 
dario-sammartino-wsope2013.jpg
Dario Sammartino ancora protagonista

 
Il Main Event WSOPE 2013 ha fatto registrare 375 iscrizioni da €10.450, per un prizepool effettivo di €3.600.000. Al Day 3 si sono qualificati 70 giocatori, fra i quali non arrivano gli attesissimi Phil Ivey e Phil Hellmuth, ma c'è ancora in gioco il Team PokerStars Pro Daniel Negreanu che avanza con 115.100 gettoni. Ai vertici della classifica virtuale troviamo Ludovic Lacay, secondo in chip, già runner-up all'evento #6 e vincitore dell'EPT di Sanremo, lo seguono vecchie conoscenze come Fabrice Souller (5°) e Benny Splinder (3°). Ancora una volta si mette in mostra Dario Sammartino: dopo una serie di ITM fra cui il final table dello UKIPT e un piazzamento all'EPT di Londra. In questo Main Event il partenopeo occupa la top 10 virtuale con 283.000 chip. A guidare la classifica è Dominik Nitsche con 504.800, e l'unico altro azzurro rimasto in gara è Giacomo Fundarò con 192.700. Oggi i player torneranno a darsi battaglia per una prima moneta da €1.000.000 e il braccialetto più ambito di queste World Series.
 

1    Dominik Nitsche    Germany    504.800

2    Ludovic Lacay    France    406.200

3    Benny Spindler    Germany    345.700

4    Ariel Celestino    Brazil    325.000

5    Fabrice Soulier    France    319.000

6    Guillaume Marrucho    France    301.800

7    Jay Farber    USA    293.700

8    Adrien Allain    France    289.200

9    Flavien Guenan    France    286.200

10    Dario Sammartino    Italy    283.800

 
*Photo courtesy of WSOP.com