Per chi ha una certa età come me una volta, quando eravamo piccoli, c'è il detto "non andare là che c'è l'uomo nero che ti porta via", sbagliatissimo dal punto di vista educativo ma ricordo ancora la paura e lo sgomento che suscitava in me questa frase, probabilmente ancora un qualche refuso mi deve essere rimasto nel cervello quando vedo arrivare un giocatore con un circoletto rosso, un Supernova appunto, da qui il titolo del post; io lo confesso più o meno candidamente, non tutti i Supernova ma alcuni in particolare quando li ho al tavolo influenzano in modo negativo le mie giocate, sento il peso della loro esperienza e gioco in maniera diversa da quel modo che avrei se non ci fosse la loro presenza, sto cercando di evolvermi e trovare delle scappatoie mentali a questo fatto ma non è facile, quelli veramente tosti fanno fatica ad arrivare a 10 ma ancora per questi 10 il processo di guarigione è lungo, la loro ombra mi crea inquietudine, logicamente pokeristicamente parlando